Legge COVID-19

Il 13 giugno 2021 si voterà sulla legge COVID-19, che conferisce al Consiglio federale ulteriori competenze per attenuare le conseguenze negative della pandemia su società ed economia.

Di che cosa si tratta?

Nella primavera del 2020 il numero delle ospedalizzazioni dovute alla pandemia di COVID-19 è aumentato rapidamente, costringendo il Consiglio federale ad agire con sollecitudine. Fondandosi sulla legge sulle epidemie, il Governo ha dunque adottato provvedimenti volti a proteggere la popolazione dal contagio e a evitare il sovraccarico degli ospedali. Ha inoltre disposto l’erogazione di aiuti finanziari alle persone e alle imprese colpite dalle conseguenze economiche della pandemia. Poiché la legge sulle epidemie non prevede tali provvedimenti, il Consiglio federale ha dovuto fondarsi direttamente sulla Costituzione, che in presenza di un pericolo imminente gli conferisce la facoltà di prendere provvedimenti in virtù del diritto di necessità. La validità del diritto di necessità è limitata a sei mesi. Se occorre prolungare oltre questo termine i provvedimenti fondati direttamente sulla Costituzione, il Consiglio federale e il Parlamento devono elaborare una legge. Ed è appunto ciò che hanno fatto nel caso della legge COVID-19.

Decisione e referendum

nel settembre del 2020 il Parlamento l’ha adottata dichiarandola urgente affinché entrasse subito in vigore. Anche questa legge ha tuttavia una durata limitata: praticamente tutte le sue disposizioni decadranno alla fine del 2021. Poiché il referendum contro la legge è riuscito, saremo chiamati a votare.

Argomenti

Comitato referendario: Il comitato referendario deplora che la legge sia stata elaborata in tempi molto brevi e posta in vigore senza consultare il Popolo. Inoltre, accanto a elementi positivi, la legge ne contemplerebbe anche di deleteri, come le sovvenzioni per i media. Secondo il comitato, il Consiglio federale potrebbe aiutare in altro modo le persone danneggiate dai provvedimenti contro la pandemia.

Consiglio federale e Parlamento: Secondo il Consiglio federale e il Parlamento, la legge è necessaria per fare fronte alla crisi più grave dalla Seconda Guerra mondiale a questa parte. Assicura infatti un sostegno finanziario a centinaia di migliaia di persone e imprese in difficoltà, alleviandone così le sofferenze e preservando posti di lavoro e salari.

Aiuti finanziari

Dall’inizio della pandemia il Consiglio federale ha adottato un’ampia gamma di provvedimenti per attenuarne l’impatto economico su persone e imprese. La legge COVID-19 costituisce la base legale per l’indennità per lavoro ridotto, per l’indennità per perdita di guadagno per il coronavirus, per gli aiuti ai casi di rigore per ristoranti, alberghi, imprese che organizzano eventi o agenzie viaggi e per il sostegno a cultura, sport e media:

Più di 100 000 imprese e oltre un milione di persone hanno avuto e hanno bisogno di questi aiuti finanziari della Confederazione, il cui importo complessivo ammonterà probabilmente a circa 30 miliardi di franchi.

Risposte a domande frequenti

   

Ultima modifica 04.06.2021

Inizio pagina

Contatto

Dipartimento federale dell'interno DFI
Segreteria generale SG-DFI
Inselgasse 1
CH-3003 Berna

Tel
+41 58 462 80 41
FAX
+41 58 462 79 01

Mail

Stampare contatto

https://www.edi.admin.ch/content/edi/it/home/dokumentation/abstimmungen/covid-19-gesetz.html