*

Servizio per la lotta al razzismo

Il Servizio per la lotta al razzismo (SLR) ha il compito di promuovere, sostenere e coordinare le attività di prevenzione del razzismo e di difesa dei diritti umani a livello federale, cantonale e comunale.

  • Promuove misure di sensibilizzazione e prevenzione per lottare contro la discriminazione razziale e difendere i diritti umani.
  • Contribuisce a migliorare la protezione giuridica dalla discriminazione.
  • Elabora rapporti periodici nazionali e internazionali.
  • Accorda un sostegno finanziario a progetti di lotta al razzismo e di difesa dei diritti umani. 

Intendersi sulle definizioni usate è parte della riflessione su razzismo e discriminazione razziale. Nel suo lavoro il SLR utilizza le seguenti definizioni.

Monitoraggio e rapporti periodici

Monitoraggio e rapporti periodici

Monitoraggio e rapporti periodici

Uno dei compiti principali del Servizio per la lotta al razzismo è monitorare la situazione in Svizzera e riferire costantemente sugli sviluppi in atto.

Diritto e consulenza

Diritto e consulenza

Diritto e consulenza

La Costituzione federale garantisce a tutte le persone che vivono in Svizzera il diritto alla parità di trattamento (art. 8).

Nessuno deve essere discriminato a causa dell’origine, della razza, del sesso, della lingua, della religione o del modo di vita (orientamento sessuale).

Aiuti finanziari

Aiuti finanziari

Aiuti finanziari

Il Servizio per la lotta al razzismo può sostenere finanziariamente progetti di prevenzione della discriminazione, di sensibilizzazione e di difesa dei diritti umani.

Attualità 

Lotta al razzismo: nuovo programma contro il razzismo in Internet

Il Servizio per la lotta al razzismo istituisce un programma prioritario per progetti contro il razzismo in rete e introduce una nuova categoria di aiuti finanziari denominata «laboratorio» per potenziare il suo sostegno ad approcci innovativi e creativi: Informazioni sugli aiuti finanziari per progetti contro il razzismo.


La nozione di «razza» nel diritto svizzero

A causa della sua connotazione biologistica, in Europa, specialmente nel mondo germanofono, il termine «razza» è oggi un tabù. Per dare maggior fondatezza alla discussione, il SLR ha incaricato un esperto di tracciare un quadro dello stato attuale del dibattito internazionale e delle sue possibili conseguenze per il diritto nazionale.

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 

https://www.edi.admin.ch/content/edi/it/home/fachstellen/frb.html