Comunicazione

Una targhetta di bronzo con un'iscrizione in braille

Oggi più che mai la comunicazione e l'accesso all'informazione sono aspetti fondamentali della partecipazione sociale e dell'autonomia nella vita di tutti i giorni. È pertanto essenziale che anche le persone con disabilità possano prendere parte a questo processo.

La comunicazione è la base della vita sociale. Ne dipendono i rapporti sociali, gli scambi di conoscenze e persino la condivisione di una cultura comune. Inoltre tutte le nostre attività sono determinate da scelte fatte sulla base di numerose fonti d'informazione. La nostra autonomia dipende pertanto in larga misura dall'accesso che abbiamo a queste informazioni. Con la diffusione di Internet e delle nuove tecnologie, il ruolo svolto dalla comunicazione per la partecipazione sociale e l'autonomia nella vita quotidiana non fa che diventare più importante.

Le persone che hanno difficoltà a sentire, vedere, parlare o capire si imbattono in diversi ostacoli quando vogliono partecipare al processo di comunicazione.

Le difficoltà variano a seconda del contesto e della disabilità. Per una persona audiolesa può risultare problematico comunicare in un luogo rumoroso e mal illuminato. La maggior parte dei sordi ha competenze linguistiche ridotte nello scritto, per cui risulta loro d'aiuto il ricorso alla lingua dei segni. Una persona ipovedente avrà difficoltà a leggere un documento scritto in caratteri piccoli, mentre acquistare un biglietto per il bus a un distributore automatico potrebbe avverarsi un'operazione troppo complessa per una persona con deficit mentali. Infine una persona con mobilità ridotta spesso non è in grado di utilizzare determinati mezzi di comunicazione, quali il computer o il telefono.

Molti di questi ostacoli, che rischiano di condurre all'esclusione sociale e/o a una forte dipendenza nello svolgimento delle attività di tutti i giorni, potrebbero essere evitati.Per questa ragione, la legge sui disabili prevede che nei rapporti con la popolazione (campagne, votazioni, pubblicazioni, manifestazioni, Internet ecc.) le autorità considerino le esigenze delle persone con disabilità. Ma per garantire che chiunque, indistintamente, possa usufruire delle stesse opportunità di accesso è necessario compiere sforzi anche in tutti gli altri ambiti della vita sociale e quotidiana, ad esempio nei trasporti pubblici, nelle costruzioni, nei servizi pubblici, nella cultura o nella formazione continua.

https://www.edi.admin.ch/content/edi/it/home/fachstellen/ufpd/pari-opportunita/comunicazione.html